L’Italia sale al sedicesimo posto nell’indice Globale di Attrattività

 

 

Si chiama in inglese (GAI) Global Attractiveness Index, tradotto diventa Indice Globale di Attrattività e consiste nelle capacità che le nazioni anno di attirare a se capitali, assets e talenti al fine di favorire lo sviluppo di nuove attività produttive e di stimolare lo sviluppo economico e sociale della nazione.

Questo indice nasce nel 2016 con l’intento di fornire ai decision maker iternazionali uno strumento in grado di rappresentare il livello di attrattività dei Paesi, in modo da favorire la scelta su nuovi investimenti esteri.

Ad oggi questo indice controlla 144 economie mondiali fornendo uno strumento di ranking complessivo dato da attrattività, sostenibilità e dinamicità sia in termini relativi che in termini comparativi.

Cosa si intende esattamente per “Attrattività” ?

Il valore dell’attrattività è composto da:

  • Indice di Posizionamento : che misura l’apertura, l’innovazione, la dotazione e l’efficienza.
  • Indice di Dinamicità: che misura la variazione del livello di attrattività negli ultimi 3 anni
  • Indice di Sostenibilità: quest’ultimo dato misura invece quanto il posizionamento di una nazione sia sostenibile a livello economico ambientale e sociale.

Nell’ultimo rapporto la classifica riporta l’Italia in sedicesima posizione, un punto in più rispetto all’anno scorso.

 

Risultati

  1. Stati Uniti
  2. Germania
  3. Cina
  4. Giappone
  5. Singapore
  6. Canada
  7. Francia
  8. Regno unito
  9. Olanda
  10. Corea del Sud
  11. Australia
  12. Svizzera
  13. Hong Kong
  14. Austria
  15. Belgio
  16. Italia
  17. Irlanda
  18. Danimarca
  19. Svezia
  20. Lussemburgo
  21. Islanda
  22. Nuova Zelanda
  23. Repubblica Ceca
  24. Norvegia
  25. Spagna.